Crisscross: i mobili modulari per chi cambia casa troppo spesso

Traslocate di continuo? Ecco i mobili che, da smontati, diventano piccolissimi e stanno in un solo scatolone

di Redazione Elita
Design · 8 Agosto 2016

L’intera storia dell’uomo è anche la storia della casa e degli arredi, non per niente tra i siti archeologici a nostro parere più affascinanti ci sono quelli dove si ritrovano tracce di utensili e abitazioni, in una parola, del quotidiano dei nostri antenati: come mangiavano, dove dormivano, se ne stavano in poltrona? Dagli eccessi del barocco alla linearità dell’Ikea, le case e le cose raccontano quello che siamo e come viviamo. Chissà cosa diranno i nostri pronipoti tra 20000 anni, quando analizzando il terreno con i loro precisi laser troveranno un armadio, che è anche un tavolo, che è anche un portadocumenti, tutti pieni di fori.

L’idea è venuta a Sam, uno studente inglese che vive in affitto e sta frequentando il suo ultimo anno di università. Ispirato dal pensiero di dover traslocare dopo la fatica degli esami, partendo forse dai principi dei giochi per bambini come i Lego o il Meccano e pochi funzionali pezzi, Sam ha creato un’intera linea di mobili che si può riporre comodamente in una sola scatola. Si tratta di Crisscross, ovvero un kit composto da nove pannelli di diverse misure, pieni di fori a distanza regolare. Tramite poche viti e tasselli, i pannelli si possono combinare tra loro per creare più di un tipo di mobile, adattandolo alle varie necessità. Nella nuova casa avete un tavolo ma non un comodino? Nessun problema: il vostro vecchio tavolo può diventare comodino, o un armadio, con gli stessi pezzi e senza neanche bisogno di attrezzi particolari per il montaggio.

Nati come la giusta soluzione per chi si sposta spesso, in realtà l’intero progetto è ammirevole anche per il suo intento ecologico. I pannelli, in quattro diversi colori, 100% riciclabili, sono fatti in legno raccolto in foreste certificate e rivestiti di una cera che li rende impermeabili e anche durevoli, dunque riutilizzabili moltissime volte. Non butterete mai più un pezzo d’arredo perché nella vostra nuova casa non c’è spazio, semplicemente, cambierete funzione a un mobile che avete già, in pochi semplici passaggi.

L’altra importante innovazione dei mobili Crisscross è infatti l’assoluta praticità con cui si montano: non necessitano trapani, cacciavite, bulloni e chiavi di diverse misure, ma tutti i raccordi sono standard e si possono stringere a mano, rendendo le possibilità di montaggio infinite insieme ai fori posti ovunque, che proteggono le viti dallo spanarsi. Questo rende molto basse le possibilità che qualcosa vada storto durante il montaggio danneggiando parti del kit. È disponibile anche un pannello trasparente da posare sul pannello se usato come tavolo, in modo da poter scrivere sul piano senza i buchi sotto.

crisscross-modular-furniture-1

Se l’aspetto vi sembra troppo minimal, pensate però al livello di personalizzazione raggiungibile, per esempio potrete scegliere dove posizionare le maniglie o se avere un armadio a due o più ante. Inoltre, inserendo dei semplici perni nei buchi, si possono appendere vari oggetti fuori e dentro i pannelli, facendo risparmiare spazio e creando anche un’idea diversa di arredamento, con comuni oggetti usati come decorazioni.

E siamo solo all’inizio: i creatori dichiarano che questo è solo il primo passo verso la creazione di soluzioni sempre più veloci e personalizzabili, e lavoreranno per rendere Crisscross sempre più adattabile, con la possibilità di aggiungere nuovi moduli come uncini, specchi e mensole.

 

Elita ti consiglia: l’elettronica “componibile” di Larry Gus

Riascolta il suo live al Design Week Festival: 6 marzo 2015, Tunnel Club, Milano